Pulzelli project (2007-2011)

La collaborazione con la Pulzelli Abbigliamento si è concentrata in questi 5 anni su attività di brand strategy e comunicazione integrata (online, offline e non convenzionale). Tutte le iniziative si sono basate sulla proposta di relazioni originali e interattive con gli utenti, nella convinzione che la logica del network e del brand, come generatore di pratiche e di idee, possano rappresentare una straordinaria forma di crescita. A questo scopo l'attività comunicativa è intesa come un vero e proprio contenitore di significati condivisi volti a relazionare in modo più proficuo utenti, brand e cultura territoriale.

 

 


Pulzelli for Skin (2011)

Progettazione e realizzazione della campagna di comunicazione online e offline per evento del 22 aprile presso la discoteca  Le Mirage (AR) con Dj Set di Skin. In collaborazione con Pinko, Happiness is a $10 tee, il team di Gazduna (spin off di Image Lab) ha contribuito alla realizzazione della serata, con un afflusso di più di 2500 persone. 
Connesso all’iniziativa è stato lanciato un contest “less gossip more music – il posto più strano dove hai ascoltato musica”, per aggiudicarsi ingresso alla serata e T-Shirt limited edition di Happiness is a 10$ tee, grafiche by Gazduna. Le foto dell'evento sono consultabili qui.

 

 

Tag genara(c)tion (2010)

Per questo evento abbiamo deciso di abolire ogni schema e mescolare gli ingredienti: creatività, divertimento, spazi urbani e tanto web. La campagna di comunicazione ha puntato infatti sul beamvertising, attraverso incursioni “luminose” a Siena ed Arezzo. Un progetto che ha voluto creare una linea di continuità tra l'attività facebook del brand Pulzelli, le forme di videoproiezione artistica e il pubblico. Puoi guardare un video del risultato qui e qui.

 

 

Pulzelli @ Play Art Festival (2009)

In occasione di Arezzo Play Art festival (dal 22 al 26 luglio) abbiamo partecipato con due installazioni differenti - “Light me up!” e “Skip intro” – progettate e realizzate appositamente per creare spazi di coinvolgimento ed interattività aperti a chiunque abbia curiosità e desiderio di esprimersi.
24-25-26 luglio 2009 - 
LIGHT ME UP! 
Installazione multisupporto dedicata al tema della creatività come strumento di trasformazione della città.
 Realizzazione dei contributi grafici ad opera di Paolo Baraldi aka Il Baro.
24-25 luglio 2009 - 
SKIP INTRO 
Per il pubblico più giovane è stata pensata una installazione interattiva per dar voce e immagine a tutti i ragazzi. Piazza San Michele, snodo centrale della passeggiata nel centro di Arezzo, ha ospitato un box laboratorio volto a trasformare lo spazio cittadino in una factory creativa. All’interno del box i ragazzi hanno potuto registrare videomessaggi dedicati al tema del viaggio per poi vederli proiettati sui muri della stessa piazza, mentre all’esterno è stato allestito un set in cui è stato possibile divertirsi con quiz, social network e gadget. 

 

Sticky maniacs (2009)

Concorso nazionale per la progettazione di sticker e t-shirt sul tema del riciclo creativo. Il contest prevedeva una doppia premiazione: premio di 300 € per il miglior progetto di sticker e un ulteriore premio di 700 € per il progetto sticker + t-shirt. L'iniziativa aveva l'obiettivo di sensibilizzare i ragazzi alle tematiche green e generare reputation per il brand. In occasione della premiazione è stata realizzata una performance di street art ad Arezzo, in Piazza San Jacopo, in data 2 maggio.

 

 

Play Pulzelli (2008)

Azione di ambient advertising (4-5 ottobre) con i seguenti obiettivi: incrementare la brand awareness, riposizionare la marca, e rendere la percezione del brand più favorevole e unica. A tal fine abbiamo trasformato Arezzo in una vetrina temporanea, facendo fiorire una vetrina pop up! Un'istallazione in forma di box/scatola per giocattoli è stato lo snodo di performance e flash mob. L'ispirazione della campagna sono stati gli urban games: da Pacman a Space invaders, passando per le molteplici facce del cubo di Rubik. “Quando il duro si fa gioco i giochi cominciano a durare!”: il claim dell'attività di comunicazione alludeva alle combinazioni di stili ed esperienze nel centro urbano, un rompicapo ad incastro per interagire con la moda, le tendenze e gli immaginari.
 

 

 

Materie Urbane (2008)

Premio per gruppi di ragazzi impegnati in un progetto di comunicazione non convenzionale. “Materie urbane” nasce nella ricerca di un contatto diretto con la freschezza e le idee di studenti di tutta Italia. Il contesto è stato quello dell’evento “Urbino città l(u)ogo ideale. Cantiere nazionale di pratiche e idee sul brand”, realizzato da Image Lab in collaborazione con Miulli associati, Studio Mirò e Uomo Records. Il 20 giugno, presso la Facoltà di Sociologia di Urbino, abbiamo premiato Sarandinart il gruppo ritenuto più meritevole da una giuria di creativi, teorici e manager.

 

 

Pulzelli street w(e)ar: scopri key sei (2007)

Campagna di comunicazione offline per il lancio del nuovo design del negozio Pulzelli. Attività di ambient advertising attraverso la distribuzione, il 6 e il 7 settembre, di centinaia di chiavi nelle piazze e i viali di Siena, Arezzo, Montevarchi e Città di Castello. Chiavi che schiudevano simbolicamente il nuovo scrigno architettonico di Lamberto Pulzelli Abbigliamento, creativamente ridisegnato dal fiorentino Studio 63. L’azione pubblicitaria è stata scelta per stuzzicare il potenziale pubblico e alludere in modo curioso e originale alla riapertura degli spazi espositivi. Chiave, in inglese “key”, si pronuncia “chi”: così lo slogan della campagna, “Scopri key sei” incrociava ironia ed estro e si proponeva come insolita “chiave di lettura” per interpretare creativamente il gioco degli stili e delle identità. L'azione di ambient si è connessa ad una campagna billboard e ad un evento ospitato dal negozio stesso in data 22 settembre.

News
Branding 2.0 - Quarta edizione

Martedì 7 maggio 2013 alle 9.30, presso il Polo Didattico Volponi (ex Facoltà di Sociologia) a Urbino, avrà luogo "Per un pugno di follower"

[vai alle news]
Collaborazioni
Collaborazioni

ADI Marche
CNA Pesaro...

[continua a leggere]